logo

Comunicato Stampa 23/02/2018

Care amiche e cari amici,

abbiamo aspettato che il bando fosse pubblicato sulla GU e sul sito del Comune, prima di uscire con questo comunicato.

La situazione è molto complessa e difficile, ma confidiamo ancora in una soluzione positiva.

Crediamo che, come sempre, la vostra collaborazione e anche i vostri giudizi critici siano fondamentali per rafforzare il confronto, il dialogo e la partecipazione dei cittadini relativamente a un progetto che, se realizzato, crediamo potrebbe rendere migliore nell'immediato futuro Portonovo e tutta la città.

Vi preghiamo di leggere il comunicato: lo abbiamo ridotto il più possibile ma ci sono aspetti tecnici che devono essere spiegati e conosciuti.

Il momento è delicato e cruciale...grazie per l'attenzione!

Andrea Fantini

Presidente APS Portonovo per Tutti

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Tel. 3339662636

APS Portonovo per Tutti

Comunicato 23.2.18

La Sindaca vuole veramente realizzare l'ostello a Portonovo?

Il bando pubblicato smentisce la volontà di recupero dell’edifico !

L'APS Portonovo per Tutti manifesta tutto il proprio sconcerto per alcuni contenuti del bando per la ristrutturazione e gestione degli ex-Mutilatini reso pubblico con la recentissima determina dell’Amministrazione Comunale.

Un bando che aspettavamo da tempo ma che, pur rispondendo alle esigenze di una destinazione di interesse pubblico, a carattere sociale e ambientale, sembra impostato per mandarlo deserto.

Ci sono almeno due forti criticità del bando che i cittadini devono conoscere:

1. accesso ai fondi POR: c'è un'evidente discrepanza tra la delibera di Giunta del 25.10.16 che impegna il Sindaco e la Giunta stessa ad adoperarsi per ottenere fondi europei (poi rafforzata dal protocollo di intesa con Univpm e FederParchi e dal recente accordo di programma sottoscritto in data 11.1.18 da CSV e Anci Marche per la cura dei beni comuni e l'assoluta mancanza di iniziativa in tal senso da parte della AC (il bando POR è uscito a novembre 2017 e scadrà il 26 aprile 2018). Inoltre la previsione nel bando comunale che il vincitore "avrà accesso alle risorse messe a disposizione dal POR” prefigura di fatto una mission impossible, visto il Comune, come Ente Pubblico proprietario del bene, è tenuto a presentare la domanda e che rimarranno pochissimi giorni per preparare la complessa documentazione tra l'individuazione del vincitore del bando comunale e la scadenza del POR.

1. euro 90.000,00 da versare al momento della sottoscrizione del contratto di concessione per coprire un debito dell’Amm.ne Comunale nei confronti dell'Associazione Nazionale vittime civili di guerra Onlus che detiene ancora un diritto d'uso dell'immobile; non si capisce dal bando a quale titolo venga richiesta tale somma a chi dovrà investire più di un milione di euro per poter disporre di un bene che rimane proprietà del Comune e la cui ristrutturazione e gestione si configura come un'opera pubblica senza fini di lucro!

Dal dicembre scorso, cioè subito dopo l'uscita del bando POR, la Sindaca ha negato più volte un incontro richiesto dall'APS e ha rifiutato di concedere un seppur minimo aiuto finanziario (la nostra proposta ne prevedeva la restituzione con relativi interessi nei primi 10 anni di gestione).

La nostra insistente e accorata richiesta all'Amministrazione di intervenire con un proprio supporto finanziario mirava a facilitare l'investimento dei privati, tramite un'azione di crowdfunding che coinvolgerebbe l'AC e la cittadinanza intera nella realizzazione della ristrutturazione.

Avendo lavorato incessantemente da 3 anni con gli operatori economici locali per lo sviluppo del progetto, sappiamo quanto sia importante un sostegno finanziario per affrontare i primi anni di ristrutturazione e di gestione dell'ostello.

Un'Amministrazione Comunale lungimirante, che afferma di aver scelto per questo bando l'approccio del partnerariato pubblico-privato per un progetto a carattere sociale e senza scopi speculativi, dovrebbe facilitare e non rendere quasi impossibile tale impresa!

Auspichiamo in ogni caso che diversi soggetti economici partecipino al bando con progetti fattibili.

Chiediamo nuovamente alla Sindaca un incontro immediato per chiarire questi punti critici di un progetto che sta molto a cuore a tante associazioni, a moltissimi anconetani e non solo.

Il direttivo dell'APS Portonovo per Tutti

 

Protocollo di intesa

La recente firma del Protocollo di intesa tra Comune di Ancona, FederParchi Marche e Univpm costituisce un ulteriore tassello nell'ambito del percorso avviato nel 2014 da più di venti associazioni e comitati civici che con la loro mobilitazione hanno di fatto ottenuto l'esclusione dell'immobile dalla possibile vendita a privati.

Organizzeremo un evento a metà luglio presso gli ex-mutilatini per riproporre il nostro progetto alla cittadinanza e alle Istituzioni locali.

Siamo più che mai convinti della necessità, possibilità e urgenza della sua realizzazione!

COMUNICATO STAMPA del 01.07.2017

COMUNICATO STAMPA del 01.07.2017

L'Associazione di Promozione Sociale "Portonovo per Tutti" apprende con soddisfazione la notizia dell'avvenuta firma di un Protocollo di Intesa tra il Comune di Ancona, Federparchi  Marche e l'Università Politecnica delle Marche, finalizzato alla ricerca di finanziamenti pubblici per il recupero e la valorizzazione sociale, culturale e turistica della struttura nota come ex Mutilatini situata a Portonovo, di propietà del Comune di Ancona e da molti anni in stato di degrado e abbandono.
Si tratta infatti di un ulteriore tassello nell'ambito del percorso avviato nel 2014 da più di venti associazioni e comitati civici che con la loro mobilitazione hanno di fatto ottenuto l'esclusione dell'immobile dalla possibile vendita a privati. La costituzione dell'APS "Portonovo per Tutti" ha poi prodotto nel 2015 la presentazione al Comune di una proposta progettuale che prevede la realizzazione di un ostello con circa 50 posti letto e di diversi locali plurifunzionali da destinare alla promozione di un turismo ecologico, allo svolgimento di attività di educazione ambientale e alla valorizzazione di prodotti locali di qualità, oltre all'ospitalità di attività a servizio dell'intera collettività.Tale proposta è stata poi assunta come riferimento dall'Amministrazione Comunale per la predisposizione ed approvazione in Giunta del progetto di fattibilità sulla base del quale sarà emesso a breve il tanto atteso bando pubblico per l'assegnazione ad un soggetto privato di natura sociale della ristrutturazione e gestione ventennale della struttura.
Le chiare e importanti parole espresse dall'assessore comunale Manarini a margine della firma del protocollo d'intesa interistituzionale: "abbiamo tenuto fede agli impegni assunti e dimostrato che in presenza di progetti utili per la collettività ... l'Amministrazione è determinata a perseguirli" ci induce ad essere ottimisti sul rapido e definitivo recupero di un immobile che costituisce un vero bene comune, e che diverrà davvero tale anche e soprattutto per l'iniziativa di tanti cittadini.

il Consiglio Direttivo dell'APS PORTONOVO PER TUTTI

 

 

Comunicato 06/03/2017

RITARDI DELLA POLITICA E DEGRADO AMBIENTALE A PORTONOVO

Quattro mesi fa comunicavamo ai cittadini, alle associazioni e agli operatori economici locali, la nostra soddisfazione per aver appreso dal Comune di Ancona dell’imminente l'uscita del bando per la concessione ventennale a privati dell’ex colonia estiva di Portonovo, ai fini della riqualificazione e futura gestione con utilizzo ad ostello dell’edificio.
Purtroppo oggi dobbiamo prendere atto che l’Amministrazione Comunale, dopo aver tolto gli ex-mutilatini dalla lista degli immobili da alienare, non ha compiuto ancora i passi necessari per realizzare il sogno di tanti cittadini che vorrebbero il recupero e l'utilizzo a fini socio-culturali dell’edificio.
Quello che più ci preoccupa è lo stallo che si e' creato nell'amministrazione comunale e che impedisce l'iter necessario a che il progetto trovi il naturale compimento.
Eppure la Giunta Comunale aveva riconosciuto come valida la nostra proposta di recupero, a supporto della quale aveva approvato in novembre la sottoscrizione di un protocollo di intesa con l’Università Politecnica delle Marche e FederParchi Marche per accedere a fondi europei e sviluppare nell’ex-colonia attività a sostegno del turismo sostenibile e dell’educazione ambientale
A pochi mesi dall’inizio della stagione estiva l’edificio degli ex-mutilatini, sta subendo un progressivo degrado e aggressioni da parte di ignoti*, con grande pericolo per l’ambiente e pesante deterioramento dell’immagine turistica di Portonovo.
Non c’è più tempo da perdere!
Chiediamo alla Giunta che informi la cittadinanza sullo stato delle cose e in particolare:

  1. Trattativa per lo scioglimento del vincolo d’uso con l’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra, precedente proprietaria del bene prima che fosse acquistato dal Comune di Ancona;

  2. Emissione del bando per la manifestazione di interesse alla ristrutturazione e gestione degli ex-mutilatini come ostello e centro di educazione ambientale;

  3. Sottoscrizione del protocollo di intesa con l’Università Politecnica delle Marche e FederParchi Marche.


    Portonovo per Tutti


(*) come dimostrano le foto in allegato, scattate il 2.3.17

2017 03 06 pxt com 1min

 

 

 

 

 

Comunicato 18/11/2016

Lettera aperta ai cittadini, alle associazioni e agli operatori economici locali

Con grande soddisfazione apprendiamo dal Comune di Ancona che è imminente l'uscita del bando per la concessione ventennale a privati dell’ex colonia estiva di Portonovo, ai fini della riqualificazione e futura gestione con utilizzo ad ostello dell’edificio.
Dopo più di due anni in cui non abbiamo smesso di lottare e lavorare per realizzare il sogno di tanti cittadini che vorrebbero il recupero e l'utilizzo a fini socio-culturali degli ex-mutilatini, possiamo dire di aver raggiunto un risultato fondamentale: l'amministrazione comunale, grazie al nostro impegno, è operativemente a favore di una valorizzazione dell'immobile, che quindi è stato ufficialmente tolto dalla lista degli immobili da alienare, con il progetto di trasformarlo in un ostello a servizio del turismo giovanile e sostenibile e in un centro per l’educazione ambientale.
Dobbiamo dare atto all'ass.re Urbinati di essersi adoperato con successo per questo risultato, che apre la possibilità per la città di Ancona di realizzare un importante progetto sulla base della partecipazione dei cittadini e della collaborazione tra pubblico e privato.
Ringraziamo tutti i cittadini e le associazioni che ci hanno sostenuto lungo tutto il percorso e le Istituzioni, in particolare il Parco del Conero, che sempre hanno creduto in questo progetto, così come gli operatori economici che insieme a noi concorreranno al bando per realizzare il nostro sogno.
Nel caso di aggiudicazione , il passo successivo sarà quello per ottenere i finanziamenti regionali necessari per la ristrutturazione.Non sarà facile, ma insieme, rompendo gli ultimi indugi e accettando insieme questa sfida, possiamo farcela!
Ora che l'amministrazione comunale ha fatto la sua parte, ci aspettiamo che gli operatori economici locali, il Consorzio La Baia prima di tutti, che sin dall'inizio hanno dichiarato di condividere il nostro progetto, facciano coerentemente la loro parte e assumano le proprie responsabilità.
Siamo coscienti delle difficoltà economiche del momento, ma crediamo che con una partecipazione diffusa e popolare sarà possibile realizzare alla fine il nostro sogno.
Per questo, se, insieme agli operatori economici del territorio, riusciremo ad aggiudicarci la concessione comunale, lanceremo una campagna di crowdfunding per raccogliere in città, in Italia e all'estero fondi per sostenere, insieme al capitale dei privati, i costi della ristrutturazione.

Portonovo per Tutti

 

Comunicato Stampa - 20/12/2015

GRANDE SUCCESSO DELLA GIORNATA SPECIALE
A PORTONOVO A SOSTEGNO DEL PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE E DI RIUSO SOCIO-CULTURALE
DEGLI EX-MUTILATINI !

Si è svolta ieri la giornata speciale a Portonovo, organizzata dall'APS PXT in collaborazione con il Consorzio La Baia.
Centinaia di persone, sin dal primo mattino, hanno preso parte alle iniziative organizzate a sostegno del progetto che tra pochi mesi sarà presentato alla Regione Marche per ottenere i fondi comunitari necessari alla ristrutturazione dell'edificio degli ex-mutilatini, di proprietà del Comune e in abbandono da anni.
Escursioni, orienteering, visita alla chiesetta, merenda a base di prodotti tipici, incontro sugli sviluppi del progetto, cena e concerto: la grande partecipazione a tutte queste attività, da parte di giovani e meno giovani, hanno dimostrato concretamente che Portonovo può essere "per tutti" anche d'inverno e lo sarebbe anche di più se esistesse una struttura come quella che si vuole recuperare con il progetto: un ostello e un centro polifunzionale per l'educazione ambientale, il turismo sostenibile, l'escursionismo per tutte le età e la promozione della gastronomia locale e di qualità.
Molte presenze anche all'incontro "obbiettivi, proposte e sostenitori".
Ha introdotto il Presidente di PXT, Vitaliano D'Addato, che ha ricordato con legittima soddisfazione la strada fatta, i risultati finora raggiunti e quelli che restano da realizzare fino al raggiungimento dell'obbiettivo finale.
Aldo Roscioni, che gentilmente ha ospitato l'incontro e la cena, ha portato i saluti e gli apprezzamenti sul progetto da parte del Consorzio La Baia.
L'arch. Fabio Pandolfi e l'Arch. Riccardo Picciafuoco hanno illustrato la versione aggiornata del progetto, in conformità con le indicazioni ricevute dalla Sopraintendenza ai Beni Ambientali e Architettonici.
Da Katya Mastantuono di Banca Etica e dal prof. Mario Pepe dell'Univpm è stata lanciata la proposta del crowfunding per sostenere il cofinanziamento del progetto con la partecipazione della comunità.
Tale proposta è stata fatta propria dall'Ass.re Maurizio Urbinati del Comune di Ancona e da Fabio Sturani, responsabile della segreteria del Presidente della Regione Marche, che hanno evidenziato come sia fondamentale la partecipazione dei cittadini per raggiungere l'obbiettivo di Portonovo per Tutti.
Il Presidente del Parco del Conero Lanfranco Giacchetti ha illustrato la situazione di grave crisi dei parchi marchigiani per i tagli operati dalla Regione e ha espresso un parere fortemente positivo sul progetto di recupero degli ex-mutilatini.
Il dibattito ha visto la partecipazione di molti giovani e del mondo della scuola, tutti con una forte aspettativa che il sogno di PXT diventi presto realtà, come auspicato anche dalla testimonial d'eccezione Lucia Mascino, in un video di appoggio al progetto che è stato molto apprezzato da tutti.

Per Natale regaliamoci un sogno a Portonovo!

2015 natale portonovo

Comunicato stampa 26.11.15

L’Associazione Portonovo X Tutti e il Consorzio La Baia invitano la cittadinanza

a partecipare alla

GIORNATA SPECIALE PER PORTONOVO

sabato 19 dicembre

per sostenere il progetto di ristrutturazione e riuso dell’edificio degli ex-mutilatini.

Dopo una fase di progettazione partecipata durata sei mesi, esattamente un anno fa veniva presentata alla città una proposta per evitare la vendita a privati dell’unico edificio di Portonovo di proprietà pubblica.

La proposta prevede la trasformazione della struttura inutilizzata da anni in un centro polifunzionale dotato di circa 50 posti letto dedicato al turismo scolastico e giovanile, all’educazione ambientale, all’escursionismo ecologico, allo scautismo e alla valorizzazione della cultura gastronomica del nostro territorio e più in generale al tempo libero di tutti i cittadini.

Da allora è progredito senza sosta un confronto costruttivo tra l’Associazione Portonovo x Tutti, l’Amministrazione Comunale e gli operatori economici riuniti nel Consorzio La Baia; oggi possiamo rallegrarci del fatto che il livello di condivisione e di intesa raggiunto tra questi tre soggetti consente loro di procedere insieme alla richiesta di accesso ai fondi comunitari necessari per la ristrutturazione della struttura.

Restano da superare non poche difficoltà, anche di natura tecnico-amministrativa, ma siamo fiduciosi che prevarrà il riconoscimento della validità, della fattibilità e dell’utilità sociale, culturale e ambientale del nostro progetto.

Per ottenere questo obiettivo abbiamo bisogno del contributo di tutti!

Condividere e sostenere il nostro progetto significa partecipare attivamente alla tutela e valorizzazione di un Bene della Comunità; ma significa anche investire nel futuro, avere una visione collettiva, credere nella possibilità di realizzare un sogno!

AIUTACI A COSTRUIRE UNA PORTONOVO ECOSOSTENIBILE E DI TUTTI!

 

pdf icon

COMUNICATO DEL 30.4.15

L´APS Portonovo X Tutti ha appreso con grande soddisfazione l'approvazione della delibera con cui il consiglio comunale del 29.4.15 ha impegnato Sindaco e Giunta ad operare in tempi brevi per verificare la possibilitá di ottenere i finanziamenti europei necessari per la ristrutturazione e la valorizzazione degli ex-Mutilatini, cosí come proposto dalla nostra associazione.

E´ una sfida che, a questo punto, coinvolge non solo l´Amministrazione Comunale e l´APS Portonovo X Tutti ma tutti i cittadini che potranno collaborare direttamente a questa importante occasione di progettazione partecipata.


L´APS ringrazia le associazioni e gli imprenditori che hanno contribuito a questo primo parziale ma importante successo, i cittadini che hanno firmato la nostra petizione e ci appoggiano concretamente, l`Università Politecnica delle Marche per il fondamentale contributo scientifico e i professionisti che hanno messo a disposizione gratuitamente le loro competenze.

Buon primo maggio a tutte/i !

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.