logo

COMUNICATO STAMPA DEL 15.5.2020

COMUNICATO STAMPA

LE SPIAGGE LIBERE NON SI TOCCANO

Le Associazioni che sottoscrivono questo comunicato stampa prendono in parola la sindaca di Ancona che sulla stampa ha affermato che “le spiagge libere restano inalterate e non ci sarà alcun ticket per entrare” (il Resto del Carlino del 13.05.2020). Questo principio è del tutto irrinunciabile per chi, come noi, ha a cuore il bene comune e da anni si batte per la tutela della nostra splendida costa del Conero, dal Passetto a Portonovo, senza dimenticare le spiagge sabbiose di Palombina a nord di Ancona.

Le associazioni sono contrarie alla estensione delle attuali concessioni alle spiagge libere, anche in via temporanea, poiché sarebbe un danno alla comunità dal momento che le spiagge libere sono molto esigue rispetto alle concessioni private, mentre non hanno nulla in contrario anche ad una forte riduzione dei canoni concessori, questo sì temporaneo per il 2020,  in rapporto alle perdite di capienza.

Le associazioni, di fronte alla situazione venutasi a creare in seguito al COVID 19 hanno chiesto un incontro al sindaco ed hanno fornito la propria disponibilità a confrontarsi ed a collaborare con l’amministrazione per un accesso sicuro alle spiagge libere, tenendo presente le diverse caratteristiche delle stesse con una diversa capienza della presenza umana nel rispetto delle norme. A questo proposito prevalgono quelle proposte dall’INAIL o quelle della Regione Marche?

FIRMATO: APS Portonovo per Tutti, Circolo “Il Pungitopo” di Ancona, Comitato Mare Libero, Comitato Mezzavalle Libera, Forum Paesaggio Marche, Italia Nostra Ancona

Ancona,  15 maggio 2020

COMUNICATO STAMPA - 28/01/2020

Il dibattito scaturito in Consiglio Comunale sulla struttura degli ex Mutilatini ci costringe a chiarire di nuovo che il nostro progetto non prevede l’uso di fondi del bilancio comunale, ma la ricerca di risorse da bandi di qualsiasi tipo (per la riqualificazione energetica degli edifici pubblici o per il turismo sostenibile, per esempio)a cui il Comune, in quanto proprietario del bene, dovrebbe partecipare nell’interesse dei cittadini.
La procedura aperta in affidamento uscita 2 anni fa circa è risultata troppo onerosa per le imprese sociali e le associazioni che erano pronte a investire per il recupero, riuso pubblico e valorizzazione sociale dell’edificio ormai da anni abbandonato. Se veramente si vuole affidarlo in concessione per il recupero e la gestione , un nuovo bando dovrà tenere conto delle osservazioni più volte inviate all’Amministrazione Comunale(forse per un errore tecnico contenuto nel primo bando, il valore del bene sui cui calcolare la fideiussione è stato di molto sovrastimato).Siamo preoccupati per l’indisponibilità al dialogo e al disinteresse dell’Amministrazione Comunale: passerà ancora un anno con i Mutilatini senza alcuna manutenzione e un’altra estate con l’edifico nel bel mezzo di Portonovo in condizioni di pericoloso degrado. A chi, dopo tanto tempo che la struttura giace in pericoloso e colpevole abbandono, ora pensa di nuovo alla vendita, ricordiamo che l’associazione Portonovo per Tutti è nata proprio per difendere la proprietà e l’uso pubblico degli ex-mutilatini e siamo ancora convinti della necessità di non mollare, insieme a tante altre associazioni, ai cittadini e agli imprenditori che credono nel nostro progetto (approvato dall’Amministrazione Comunale nel 2016).
Sulla terza ipotesi, cioè quella di un uso integrato degli ex-mutilatini per i servizi alla baia e al campeggio, crediamo che non sia incompatibile con la prima; sarebbe una buona soluzione un ostello/foresteria accanto al campeggio, ma ad oggi sembra solo un’ipotesi.
La preoccupazione vera riguarda il fatto che ancora l’unica soluzione in campo per la Sindaca sembra sia essere la vendita e che quanto deliberato e scelto dalla Giunta rimanga ad oggi lettera morta..
L’Associazione Portonovo per tutti ha chiesto da più di un anno di incontrare il Sindaco, la Giunta e il Consiglio; è ora di riaprire il confronto se davvero si vuole decidere entro il 2020!

Tre ipotesi per l`ex Mutilatini «Decideremo entro fine anno»

2020 01 28 corriere adriatico

 

GLI IMMOBILI

Tre ipotesi per l`ex Mutilatini «Decideremo entro fine anno»

Fanesi (Pd): altro bando, vendita oppure affidarlo a chi gestisce i servizi della baia

GLI IMMOBILI Tré ipotesi per Ãåõ Mutilatini «Decideremo entro fine anno» Fanesi (Pd): altro bando, vendita oppure affidarlo a chi gestisce i servizi della baia Tré idee per far rinascere la vecchia colonia di Portonovo. Il recupero dell'ex Mutilatini è entrato nel dibattito del Bilancio 2020 con una mozione firmata da Francesco Rubini (Aie) che chiedeva di «sbloccare la situazione d'impasse attraverso un nuovo bando o qualsiasi altro strumento utile e di destinare, nell'attesa del recupero, a questo bene parte dei fondi delle manutenzioni straordinarie e messa in sicurezza degli immobili del patrimonio comunale per evitare un ulteriore ammaloramento della struttura». Le idee L'input ieri è stato respinto dall'aula, ma il capogruppo Pd Michele Fanesi ha fissato un limite temporale per decidere il futuro della vecchia colonia della aia da anni ßç balia di vandali e clochard. «Vogliamo arrivare al 31 dicembre con una proposta definitiva per l'immobile - ha affermato il consigliere democrat a nome della maggioranza - che sarà scelta tra tré ipotesi». La prima è quella di «proseguire l'iter del bando emesso negli anni scorsi, ribadendo però che il Comune non dovrà stanziare fondi pubblici». La seconda di «inserire l'ex Mutilani nel piano alienazioni del 2021» e infine la terza chance «inserire l'immobile nel bando di affidamento della gestione dei servizi della baia prevedendo una durata maggiore dell'incarico per fare in modo che chi si aggiudica il bando può riqualificare l'area e mettere a frutto la gestione dell'ex colonia». lldibattito Si riaccende così l'interesse per un immobile diventato un vero e proprio rebus per Palazzo del Popolo. Negli anni scorsi era stato inserito nel piano delle alienazioni, scelta poi cancellata a fronte delle proteste delle associazioni poi riunite nel comitato Portonovo × Tutti che aveva anche manifestato l'interesse a prendere in gestione l'ex colonia. E dif ronmte a questo interesse il Comune aveva aperto due anni la "Procedura aperta per l'affidamento, in finanza di pro getto, della concessione per la progettazione ed esecuzione dei lavori di riqualificazione dell'edificio ex colonia estiva Portonovo nonché della gestione funzionale ed economica della stessa con risorse a totale carico del soggetto proponente". Nel bando era prevista la realizzazione di un ostello con 55 posti letto, sale per il pranzo e la colazione e altri spazi per convegni e attività didattiche, nell'ambito di una concessione trentennale. Ma nessuna busta è mai pervenuta e dall'aprile 2018 la vecchi colonia è stata più volte preda di vandali e clochard. Lealternative Da quel bando ripartirà il ragionamento della maggioranza. La coalizione però non chiude all'ipotesi di inserire nuovamente l'ex Mutilatini tra i beni da vendere al miglio offerente. Ipotesi avanzata nel 2013 dall'amministrazione Gramillano che prevedeva di disfarsi dell'immobile nella baia partendo da una base d'asta di 2 milioni (nel 2004 l'amministrazione Sturani l'acquistò dall'Associazione nazionale mutilati e vittime di guerra per 3 milioni). La terza via? Legare il futuro dell'ex Mutilatini alla gestione degli altri servizi della baia. L'attuale affidamento dei posteggi, campeggio e pulizia delle spiagge scade infatti a dicembre di quest'anno e da qui può partire il ragionamento del Comune di affidare anche l'ex Mutilatini al prossimo gestore dei servizi della baia. Prevedendo una maggiore durata dell'affidamento cosi da poter assicurare un ritomo a chi riqualificherà la vecchia colonia. m.petr. ©RIPRODUZIONE RISERVATA Rubini (Aie) chiedeva invece di finanziare subito un intervento di manutenzione -tit_org- Tre ipotesi per l’ex Mutilatini «Decideremo entro fine anno»

RASSEGNA STAMPA SULLA MANIFESTAZIONE DEL 27 LUGLIO

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Navigando questo sito, chiudendo questo banner o cliccando su un link, acconsenti all’utilizzo dei cookies.

Se vuoi saperne di più leggi la Cookie Policy. Accettando l’informativa d’uso in base al Regolamento UE 2016/679 del 27 aprile 2016, noto come GDPR (General Data Protection Regulation), questo banner non ti verrà più mostrato.