logo

  • Home

Richiesta urgente di incontro per gli ex-mutilatini

Al Sindaco di Ancona

e, p.c.

Al Vice Sindaco

All’Ass.re ai Lavori Pubblici

Al Presidente della 6^ Commissione - Bilancio, Programmazione, Ancona Entrate, Patrimonio, Personale

Caro Sindaco,

come certamente ricorderà, dopo il nostro ultimo incontro a fine marzo dello scorso anno, dove le avevamo espresso tutte le nostre perplessità sul bando emesso dal Comune per la concessione degli ex-mutilatini ai fini del loro recupero e gestione come ostello e centro di educazione ambientale, lei ci aveva promesso che, nel caso il bando fosse andato deserto come temevamo e come poi è accaduto, ci saremmo rivisti per valutare insieme cosa fare per non lasciare la struttura nello stato di indecoroso e pericoloso abbandono in cui giace ormai da troppi anni.

Il 30 marzo 2018 la nostra compagine, formata da imprese e associazioni locali, aveva protocollato in Comune una manifestazione di interesse a investire per realizzare il progetto presentato inizialmente dall’APS Portonovo per Tutti, il cui piano di fattibilità fu approvato nel 2015 dalla Giunta Comunale, senza poi essere stata più convocata dall’Amministrazione Comunale.

Il 29 ottobre 2018 abbiamo inviato lei e tutti i consiglieri presso la sala dell'ex-Consiglio comunale per illustrare la nostra proposta per uscire dallo stallo in cui ci troviamo. Da questo incontro eravamo usciti con la speranza che la maggioranza da lei guidata avrebbe affrontato la questione, ma da allora non è più accaduto nulla, nonostante l’impegno politico della sua Giunta e le sue promesse per valutare insieme le alternative per il recupero degli ex-mutilatini e della sua utilità sociale.

Le chiediamo quindi cortesemente ma con fermezza di non rimandare ulteriormente un confronto senza pregiudizi sulla manifestazione di interesse presentata, e auspichiamo un incontro urgente per poter illustrare all'Amministrazione comunale le nostre proposte concrete per la ristrutturazione degli ex-mutilatini e la gestione dell’ostello a prezzi calmierati, che si configura come un’opera pubblica di interesse rilevante per Portonovo e per tutti i cittadini di Ancona.

Ringraziandola per l’attenzione,

le inviamo cordiali saluti

Opera Coop Sociale

Global Service Srl

Easy Help Società Coop Sociale

Conero Style School ASD

Unione Italiani Ciechi Sez. Ancona

APS Portonovo per Tutti

Associazione Riviera del Conero

Ancona, 20 marzo 2019

NUOVA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER GLI EX-MUTILATINI

E' stata presentata il 30 marzo la nuova manifestazione di interesse da parte dell'APS Portonovo per Tutti e della compagine di imprese e associazioni locali interessate e disponibili a realizzare il recupero e la gestione della fatiscente (ormai da più di 10 anni, decisamente troppi!) struttura degli ex-Mutilatini a Portonovo.

Siamo ancora in attesa di una risposta da parte dell'Amministratzione Comunale, dopo che il bando in scadenza il 4.4.18 è andato deserto, come da noi previsto, per via delle  richieste finanziarie insostenibili contenute nel bando stesso.

Nell'assemblea ordinaria del 19.4.18 i soci dell'APS Portonovo per Tutti hanno ribadito la ferma volontà di realizzare il progetto, rafforzati dal fatto che il business plan, messo a punto per il recupero in 2 anni degli ex-mutilatini e per i 28 anni di gestione della struttura comunale come ostello e centro di educazione ambientale, è stato riconosciuto come valido dalle imprese sociali e dalle associazioni firmatarie della manifestazione di interesse.

Aspettiamo quindi il prossimo passo dell'Amministrazione Comunale, sperando che non tardi troppo e che sia positivo!

COMPAGINE 1

COMPAGINE 2

 

 

 

 

COMUNICATO STAMPA – 13 aprile 2018

Dalla stampa abbiamo appreso che il bando pubblico per la ristrutturazione e gestione dell’edificio ex Mutilatini di Portonovo, scaduto il 4 aprile us, è andato deserto.

La nostra Associazione di Promozione Sociale “PORTONOVO PER TUTTI”, che si era attivata già dal 2014 per evitare la vendita a privati dell’immobile offrendo al Comune un progetto per il suo riuso ad ostello della gioventù e centro di educazione ambientale, aveva formalmente avanzato all’AC molte riserve sulla fattibilità economica dei contenuti del bando, lamentando condizioni estremamente pesanti rispetto agli scopi sociali e culturali a cui era destinata la struttura, senza peraltro ottenere risposte accettabili.

A fronte di questa prevista situazione di impraticabilità della soluzione offerta dal Comune, l’APS ha continuato ad impegnarsi per la realizzazione del progetto originario, ritenendolo tutt’ora valido nei suoi contenuti essenziali e nei suoi obiettivi di fondo e ha espresso formalmente la propria disponibilità, assieme ad un gruppo di imprenditori e di soggetti locali operanti nei settori del turismo e del sociale, ad incontrare il Sindaco di Ancona per verificare la possibilità di rivedere le condizioni inserite nel bando pubblico andato deserto, al fine di ricercare soluzioni di maggiore fattibilità socio-economica e finanziaria.

Siamo in attesa di un riscontro da parte dell’AC che vogliamo sperare possa aprire nuove opportunità per raggiungere il tanto atteso risultato di rendere finalmente fruibile un bene pubblico dalle grandi potenzialità turistiche e sociali a beneficio dell’intera comunità anconetana e non solo.

Per poter assumere le decisioni più opportune in merito ai possibili ruoli che l’APS potrebbe svolgere in seno all’auspicata nuova fase è stata convocata un’assemblea dei soci per il prossimo 19 aprile, alle ore 18.00 presso l’Aula del Mare (area Autorità Portuale) aperta alle associazioni e ai cittadini che ci appoggiano.

Il direttivo dell’APS Portonovo per Tutti                             

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Navigando questo sito, chiudendo questo banner o cliccando su un link, acconsenti all’utilizzo dei cookies.

Se vuoi saperne di più leggi la Cookie Policy. Accettando l’informativa d’uso in base al Regolamento UE 2016/679 del 27 aprile 2016, noto come GDPR (General Data Protection Regulation), questo banner non ti verrà più mostrato.